PRINCIPATO DI MONACO
Servizio dei lavori Pubblici

Estensione del Porto della Condamine

Diga semi-galeggiante

La nuova diga semi-galleggiante a Montecarlo, la più grande al mondo della sua categoria, è l'elemento fondamentale dell'estensione del porto nella Condamine nel Principato. Lunga 352 m. è stata realizzata ad Algeciras nel sud della Spagna, per poi essere rimorchiata via mare fino a Monaco, dove è arrivata a destinazione alla fine dell'Agosto 2002, per poi essere ancorata tramite una rotula, al terra-pieno realizzato in precedenza. L'intervento mirato ad allargare il bacino di accoglienza del vecchio porto, consentirà anche un collegamento a terra delle grosse navi da crociera, che attualmente attraccano a largo della costa.

La grande opera realizzata in cemento armato pre-compresso, lunga 352 m., larga alla base 44 m. e lungo il corpo 44 m. pesa 130000 tonnellate. La banchina che di fatto chiude il corpo della diga, si trova a 3 m. sul livello del mare, mentre la passeggiata facente copertura delle strutture di accoglienza portuali, si eleva a circa 9m. di altezza. La parte all'estremità, dove dovrebbe essere prevista l'installazione di un faro, si trova invece a 12 m. sul livello del mare. Infine la base sommersa sensibilmente più larga del resto del volume é a -16 m. Distribuiti su quattro livelli all'interno della parte sommersa, sono previsti 400 parcheggi auto, oltre a garage per battelli. La rotula di acciaio del diametro superiore a 7 m. cui è ancorata la diga, permette a quest'ultima oscillazioni con punte massime all'estremità di 1,5 m. verticalmente, e circa 20 m. orizzontalmente, dove inoltre é ancorata al fondo marino grazie a due catene. L’opera è stata concepita e dimensionata per una durata di vita che va oltre i 100 anni.

Il nostro incarico è stato quello di definire l'architettura delle infrastrutture portuali situate sulla diga, quelle sulla contro-diga (opera fissa posta dall'altro lato del porto), e quelle situate in prossimità dei due fari esistenti, in base alle direttive degli organismi pubblici definite nelle fasi progettuali precedenti, non di nostra competenza. Il progetto prevede, oltre a due stazioni marittime e una capitaneria di porto, boutiques e ristoranti. Sostanzialmente si è trattato di definire la tipologia degli elementi architettonici e i materiali da impiegare, compiendo non solo una ricerca estetica, essendo consapevoli che stavamo realizzando delle strutture esposte alla forza del vento e delle onde. Abbiamo provato a immaginare la diga di Monaco come una grande nave da crociera forse di altri tempi, ma realizzata con tecniche e materiali più che odierni.

Personalmente mi sono occupato della stesura delle piante, delle sezioni, delle facciate, e di tutti i dettagli di realizzazione della diga, sia nella fase progettuale sia esecutiva. La fase di studio è andata a pari passo con la realizzazione in 3D, durante la quale sia in fase di modellazione, sia in quella di definizione delle proprietà di superficie dei materiali, l’interazione con la macchina e il software ha dato un importante contributo al processo creativo. Ciò ha consentito all’architetto di vedere nascere in tempo reale le proprie idee, alle quali ho potuto contribuire interpretando gli schizzi preliminari, e proponendo diverse soluzioni grazie a rapide anteprime in 3D.

La prima immagine che segue mostra con una vista aerea del porto del Principato, la localizzazione delle strutture principali dell'opera. La seconda come si è presentata la diga prima del nostro intervento, e la terza un fotomontaggio che mostra l'anteprima del progetto.

Vista aerea Diga grezza Fotomontaggio

In seguito ho realizzato un filato di circa tre minuti, dove una sequenza d’immagini in movimento mostra, prima l’opera come si è presentata dopo il trasporto via mare, poi tutte le infrastrutture previste in seguito al nostro intervento. La fine dei lavori è prevista per la seconda metà del 2003, e il nostro incarico non si limita solo alla fase progettuale, ma anche a quella di direzione dei lavori. Purtroppo gli interventi previsti dal nostro progetto saranno attuati provvisoriamente solo in piccola parte, secondo le necessità minime necessarie per rendere le infrastrutture portuali operative.

Di seguito nove delle viste utilizzate nel filmato, e la fontana prevista nel piazzale sul terrapieno dal quale si accede alla passeggiata sulla diga.

Ristorante e faro Stazione marittima Grande stazione marittima Grande stazione marittima (Passeggiata) Vista d'insieme
Passeggiata Vista a largo del porto Passegggiata bassa Passerella e faro Fontana sulla Piazza

In basso alcune immagini relative al progetto di decorazione della Grande stazione marittima.

Vista 1 Vista 2 Vista 3

Queste invece sono tre viste delle infrastutture in prossimità dei fari, in particolare la capitaneria di porto.

Faro Dettaglio copertura faro Interno della capitaneria di porto